sabato 21 dicembre 2013

Indice

Un indice delle pagine (navi) già scritte (ma soggette ad aggiornamento in qualsiasi momento), per maggior praticità. L’ordine alfabetico di navi con nomi di persone è in base al nome, non al cognome; si tenga conto che in alcuni casi (es. sommergibili) alcune classi avevano unità con nomi completi, altre con soli cognomi. Diverse navi che sono considerate mercantili potrebbero ricadere nella categoria del naviglio ausiliario d’origine mercantile, in particolare la quasi totalità dei motovelieri, in massima parte impiegati come vedette foranee o dragamine ausiliari.


Incrociatori pesanti


Incrociatori leggeri

Torpediniere

Sommergibili


Corvette e cacciasommergibili



Naviglio mercantile

Naviglio mercantile per navigazione interna

68 commenti:

  1. La nave Volta carica di munizioni esplode a Palermo in porto nel marzo 1943. Non l'ho trovata in elenco.
    I piroscafi Securitas e Cuma esplodono in porto a Palermo il 2-3/3/1942 per bombardamento inglese. Non li ho trovati in elenco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è solo l'elenco delle navi di cui ho scritto finora, non di tutte le navi italiane affondate nel conflitto. Non ho ancora scritto di nessuna di queste navi, e comunque mi servirebbero informazioni sulla sorte dei loro equipaggi per poter scrivere a riguardo.

      Elimina
  2. Salve. Sto cercando delle foto di mio nonno che era imbarcato sull'altro torpediniere all'ancora nel porto di Palermo . Il torpediniere "Geniere".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, purtroppo non possiedo immagini di singoli marinai, salvo le poche inviatemi dai parenti di alcuni di essi e visibili sul blog.

      Elimina
  3. Pregiatissimo, apprezzando il prezioso lavoro reso disponibile sul WEB, mi chiedo se esiste un lavoro analogo in relazione alla flotta schierata dalla Regia Marina nella Grande Guerra, di cui ho appena pubblicato il Saggio Storico "Regio Sommergibile Jalea: vento del ricordo...". Grazie sincero !

    RispondiElimina
  4. ...dimenticavo nel precedente post il mio indirizzo mail: gustavo.caizzi@gmail.com , ancora GRAZIE !

    RispondiElimina
  5. Buon pomeriggio. Sono arrivato per caso su questo sito, complimenti per il gran lavoro di memoria storica. Sono un Luogotenente in servizio della Marina Militare, e mi permetto di segnalarvi questo link http://www.icsm.it/regiamarina/duedicembre.htm , dove è stato pubblicato un mio articolo su mio zio Pianezzola Giuseppe dichiarato disperso in un combattimento la notte del 2 dicembre 1942, imbarcato sul RCT Da Recco (ho visto che questa Unità navale manca sul vostro sito). Cordialità.
    Dario Petucco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ringrazio della segnalazione, includerò il suo articolo nei links quando scriverò del Da Recco. Progressivamente, l'intenzione è di scrivere una pagina per ogni unità, anche se quella relativa al Da Recco, considerata la lunga e ricca storia di questa nave ed il tempo a me disponibile, la scriverò probabilmente solo tra qualche anno. Delle unità perdute nello scontro del 2 dicembre 1942 ho finora scritto del Folgore, dell'Aventino e dell'Aspromonte.

      Elimina
  6. Ops, dimenticavo il mio indirizzo email dario.petucco@marina.difesa.it

    RispondiElimina
  7. Mio padre era imbarcato sul piroscafo armato Sabbia silurato all'ingresso del porto di civitavecchia ( questo almeno è quanto ricordo) , ma non ne ho trovato traccia. Ricordo male io ? Grazie.francobadii@aLive.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scuso ma mi sono acorto che il correttore ha colpito. Le invio l'indirizzo esatto
      francobadii@alice.it

      Elimina
  8. Mio padre era imbarcato sul piroscafo armato Sabbia silurato all'ingresso del porto di civitavecchia ( questo almeno è quanto ricordo) , ma non ne ho trovato traccia. Ricordo male io ? Grazie.francobadii@aLive.

    RispondiElimina
  9. Mio padre era imbarcato sul piroscafo armato Sabbia silurato all'ingresso del porto di civitavecchia ( questo almeno è quanto ricordo) , ma non ne ho trovato traccia. Ricordo male io ? Grazie.francobadii@aLive.

    RispondiElimina
  10. Buongiorno, complimenti per il blog. Solo ora e quasi pensionato rimetto in piedi la storia di mio padre classe 1916 e marinaio della Aldebaran e della Caio Duilio, presente alla notte di Taranto. Volevo chiedere gentilmente consiglio su dove trovare , sempre che esista, la cronologia degli spostamenti dei marinai, immagino che esista un registro del genere. Grazie. Luciano. Email: krypton07@libero.it

    RispondiElimina
  11. Sto facendo un lavoro genealogico sui miei antenati e un parente dalla parte di mio padre e' stato nominato nella documentazione. Roberto Frassetto. Qualcuno ha per caso altre informazioni, foto ecc. su questa persona? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intende il s.t.v. Roberto Frassetto, Medaglia d'Oro al Valor Militare (http://www.marina.difesa.it/storiacultura/storia/medaglie/Pagine/frassettoroberto.aspx)?

      Elimina
  12. Salve
    sono venuto a conoscenza del suo meraviglioso lavoro proprio da poco...
    nell'occasione della ricerca di un mio zio marinaio (ha lo stesso mio nome e cognome) Passarello Vincenzo nato a Palermo il 11 Febbraio 1923 dichiarato disperso...tutto quello che so è dai racconti di mia nonna (sua Madre) che non lo vide più arrivare dopo essersi imbarcato su una nave da guerra e poi affondata.
    Se riesce a darmi qualche notizia sarebbe meraviglioso.
    Grazie
    Passarello Antonino Vincenzo
    La mia mail è tonipassa@yahoo.it

    RispondiElimina
  13. Buongiorno e complimenti per il lavoro. Ha informazioni riguardo il piroscafo Francesco Crispi affondato dall'HMS Saracen il 19 aprile 1943 ? A bordo c'era mio nonno Angelo Balconi

    grazie edmondo10304@libero.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      combinazione vuole che proprio in questi giorni stia scrivendo una pagina proprio sul Francesco Crispi. Quando l'avrò finita (ci vorrà un po' di tempo, data la quantità di materiale e la gravità del disastro) gliela invierò per email.

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Mi tolgo tanto di cappello nei confronti di una operazione storica come la sua. Anche a distanza di tanti anni bisogna preservare la memoria dei Caduti che diedero la vita per la Patria. Grazie

    Andrea Vallieri

    RispondiElimina
  16. Come mai non c'è la corazzata Roma? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, perché non ho ancora scritto una pagina su di essa. In questo indice ci sono solo le navi sulle quali ho già scritto una pagina.

      Elimina
  17. sarebbe utile inserire anche i treni armati della marina militare, marinai d'italia impegnati nella difesa costiera che fecero atti d'eroismo sotto il tiro delle navi nemiche.

    RispondiElimina
  18. Scusi non trovo nulla sul suo blog in merito al piroscafo Recco, gemello del Rapallo, autoaffondato dall’equipaggio per non cadere in mano agli inglesi il 3 maggio 1941 al largo delle Azzorre. Mio nonno era su quella nave e fu deportato sull’isola di Mann dove vi rimase internato per ben 5 anni. Se vuole più dettagli sul fatto glieli do volentieri. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera,
      a volte capitano delle coincidenze che hanno dell'incredibile: proprio oggi ho finito di scrivere una pagina - da pubblicare tra qualche mese - dedicata alla Recco. Sono molto interessato; può scrivermi a lorcol94@gmail.com?

      Elimina
  19. Buonasera,
    Sto cercando una foto di un rimorchiatore "Genova R97" costruito nel 1918

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      purtroppo è piuttosto difficile trovare immagini di una nave così piccola; potrebbe provare a chiedere all'AIDMEN: http://www.aidmen.it/contactus/ oppure sul sito www.naviearmatori.net.

      Elimina
  20. Salve,
    sto cercando una foto del Motoveliero "Le due Sorelle" sigla V273 requisita dalla Regia Marina nel porto di Gela e successivamente impiegato a Taranto nella 2GM.
    Grazie

    RispondiElimina
  21. Salve, sono il figlio di Bezzi Leone imbarcato sulla nave bianca Arno, affondata 11/ sett/ 1942.
    E' possibile sapere i nomi dell'equipaggio?
    C'è qualche foto al proposito.
    Posso consultare qualche sito? Rivolgermi a qualche Associazione? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      è possibile che esista un elenco dell'equipaggio dell'Arno; in tal caso dovrebbe trovarsi nell'archivio dell'Ufficio Storico della Marina Militare, contattabile all'indirizzo ufficiostorico@marina.difesa.it. Non conosco siti specifici, mentre un po' di dettagli sulla storia dell'Arno e sul suo affondamento possono essere reperito nel libro "Le missioni avventurose d'una squadra di navi bianche" di Mario Peruzzi.

      Elimina
  22. Buongiorno Sig. Lorenzo, volevo chiedergli una cortesia in merito ad un marinaio Caduto della 2^ Guerra Mondiale e ritenuto disperso in mare. Il Caduto è il Segnalatore ORLANDO Luigi di Ippazio nato a Gagliano del Capo il 20.1.1915 e ritenuto disperso in mare il 11.10.1942. Sul foglio matricolare dell'interessato non è riportato nulla in merito alla sua scomparsa. Da fonti non ufficiali ho appreso che sarebbe stato imbarcato su un piroscafo di nome "UNA" e che poi affondato dagli inglesi. Da ricerche effettuate non ho riscontrato nessun piroscafo con detto nome ne unità affondate in tale data da poter collegare l'accaduto. La ringrazio per la cortese collaborazione e l'attenzione che vorrà dedicarmi e la saluto cordialmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      le rispondo all'e-mail che mi ha inviato.

      Elimina
  23. Salve,
    sono capitato nel suo sito cercando informazioni su mio nonno. Dal foglio matricolare risulta partito per l'Albania il 24 febbraio 1941, preciso che non è un disperso in mare, volevo chiedere se sia reperibile un elenco dei soldati a bordo delle navi che facevano trasporto truppe. Grazie e complimenti per l'enorme lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, non saprei...
      il 24 febbraio 1941 risultano esservi stati tre convogli in partenza per l'Albania:

      1) piroscafo postale Campidoglio con viveri e vestiario, scortato dal cacciatorpediniere Riboty, da Brindisi (00.25) a Durazzo (8.20);

      2) piroscafi Monstella, Lido e Favorita con 80 soldati ed un carico di munizioni, quadrupedi e materiali vari scortati dalla torpediniera Abba, da Brindisi (22.30) a Valona (9.30 del 25);

      3) piroscafi Italia e Città di Tripoli e motonave Puccini con a bordo 2450 soldati e 371 tonnellate di materiali, scortati dalla torpediniera Curtatone e dall'incrociatore ausiliario Capitano Cecchi, da Bari a Durazzo.

      Elimina
  24. Mio zio Antonio Annino era imbarcato sulla rn Pola, e disperso a capo Matapan. Quando saràinserita questa unità nel suo splendido lavoro? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, penso tra alcuni anni. Il Pola è una nave su cui c'è molto da scrivere, quindi l'ho lasciato tra gli "ultimi", per quanto avrò già scritto di quasi tutte le altre navi ed avrò tempo per dedicarmici con calma...

      Elimina
  25. Buonasera. Ha qualcosa sulla r.n Diana?
    Grazie

    RispondiElimina
  26. Salve Sig. Lorenzo, non riesco a capire se questo mio messa le è sfuggito o non può rispondere in merito.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      credevo erroneamente di averle risposto. Purtroppo non possiedo immagini di questa nave...

      Elimina
  27. Salve,
    Stavo cercando il nome di una nave addetta al trasporto truppe. È salpata da Napoli il 19 maggio 1939 ed è arrivata a Massaua, Eritrea, il 29 maggio. Mi sa aiutare? Grazie mille!

    RispondiElimina
  28. buongiorno.Ho letto che Lei possiede notizie dettagliate sul campo di Ahmednagar.Non è che ne abbia anche di altri campi inglesi in india meno noti di Yol (su cui sono state versate tonnellate di inchiostro)intendo Raghmar e Bangalore?
    Complimenti per il suo lavoro tanto dettagliato e interessantissimo.Spero in una sua risposta.grazie e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      ho scritto qualcosa in merito al campo di Ramgarh (dovrebbe essere questo il nome corretto) in queste due pagine:

      http://conlapelleappesaaunchiodo.blogspot.com/2015/07/bartolomeo-colleoni.html

      http://conlapelleappesaaunchiodo.blogspot.com/2018/05/torricelli.html

      Non ho invece notizie sul campo di Bangalore, ma da una breve ricerca Internet ho trovato le seguenti pagine che ne parlano:

      https://italianprisonersofwar.com/tag/bangalore-pow-camp/

      https://newsable.asianetnews.com/karnataka/jd-s-holds-convention-hn-vishwanath-to-continue-as-party-prez-pkrbq2

      https://timesofindia.indiatimes.com/city/bengaluru/world-war-ii-pows-son-make-emotional-trip-from-milan-to-bengaluru/articleshow/73101759.cms

      https://maddy06.blogspot.com/2016/11/the-italian-prisoners-of-war-at.html

      Elimina
    2. La ringrazio di cuore.qualcosa ho trovato :sono interessata perché il mio papà, naufrago del Colleoni è stato "ospite" dei tre campi di cui sopra a cui aggiungere Geneifa e il campo 43 Harcourt Hill in Uk. Adesso del Colleoni so tante cose che non conoscevo grazie a lei.Ancora complimenti e grazie per la sollecitudine e la gentilezza .

      Elimina
  29. Buonasera, complimenti per il blog, veramente ricco di informazioni e di dati riguardanti la gloriosa Regia Marinai e i tanti marinai che riposano negli abissi. Solo una nota: nell'elenco dei sommergibili non ho letto il nome del Regio Sommergibile Ammiraglio Millo, affondato dal sommergibile. britannico Ultimatum davanti a Punta Stilo il 14.3.1942. Mio nonno, Capo Meccanico Nazzareno Storani, quel giorno perse la vita e venne dichiarato disperso insieme ad altri 55 membri dell'equipaggio. Per rendere onore a quegli uomini, insieme a mio padre Francesco ho scritto un libro che racconta la storia del sommergibile e dei suoi marinai. Abbiamo anche un blog: http://www.sommergibilemillo.it.
    Se volete possiamo fornirvi tutte le informazioni che vi occorrono.
    Grazie e complimenti ancora!
    Nazareno Storani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      la ringrazio; conosco il suo sito, molto ben fatto ed interessante. Il Millo non è nell'elenco perché vi figurano soltanto le unità le cui pagine ho già scritto: in futuro scriverò una pagina anche sul Millo (attingendo, per le informazioni, anche al vostro sito, con il vostro permesso) e lo aggiungerò all'elenco.

      Cordialmente,
      Lorenzo Colombo

      Elimina
  30. Dear Lorenzo, good day.

    I dont speak any Italian so I hope you wont mind that I write in English.
    First want to say good job for your wonderful website! It is very well done!
    I am interested in Naval history and I would like to check some data about Italian merchant ships before and during the war.
    From some sites I found some materials said pre-war Italy has around 3mio tons of merchant ships and 1.2mio were lost at the beginning of the war due to isolated outside of Mediterranean. I am interested in what happens afterwards, for example, how many tanker/oiler were there remain after the initial start of war loss, and many ships loss/ active for action during each year?
    I am wondering if you have such data and if you could share it with me?
    my email is wenbo.chen.sh@gmail.com.

    Best Regards, and wish you live positive and test negative :)
    Wenbo

    RispondiElimina
  31. Egr. Lorenzo,
    complimenti per il lavoro che continua a svolgere sulla Regia Marina.
    Le chiedo se ha in programma a breve di scrivere riguardo all'incrociatore Duca D'Aosta.
    Su questa unità si imbarcò mio padre Mario dopo 33 mesi a bordo del Pallade ( di cui ha scritto) e alcuni mesi alla batteria di Tegge a La Maddalena. In particolare mi piacerebbe avere notizie sulle crociere che il D'Aosta effettuò in Atlantico alla ricerca delle navi pirata naziste facendo base per alcuni mesi a Freetown.
    Le faccio ancora le mie congratulazioni per i lavori.
    Cordialmente.
    Vincenzo Claudio Piras

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile signor Piras,
      la ringrazio. Purtroppo non ho in programma un articolo sul Duca d'Aosta nel prossimo futuro, ad ora sono più concentrato su cacciatorpediniere, torpediniere, sommergibili e navi mercantili. Penso che passerà qualche anno prima che io metta mano a nuovi articoli sugli incrociatori, ed anche allora penso di dare la precedenza a quelli affondati in guerra. Però sulle crociere contro le navi corsare tedesche ho qualche pagina di un volume dell'USMM, posso scannerizzarle ed inviargliele per email.

      Elimina
    2. OK, attendo una sua mail con le scannerizzazioni
      la ringrazio
      Vincenzo Claudio Piras
      mail : pirasvincenzoclaudio@gmail.com

      Elimina
  32. Buongiorno Sig. Colombo, sono la nipote di Vecchio Cirino nato a Lentini (Siracusa) nel 1922 (purtroppo non ho altri dati, so che veniva trasferito da Rodi nel 1944 e la sua nave fu affondata. Ho letto l'elenco dei dispersi sulla Oria e Lui non risulta, potrebbe essere stato allora imbarcato sul Petrella? purtroppo però non esiste un elenco.
    La ringrazio anticipatamente per quanto potrà fare.
    Cordiali saluti
    Agata Vecchio
    e-mail: agata.montesi@tiscali.it

    RispondiElimina
  33. Perdonate l'inglese: I'm working on ship art for a game project and am completely astounded by the wonderful work you have done here. For the Italians, everything I'm doing is more accurate than it could possibly be otherwise. Men lived and died on these ships, and their memory deserves that these vessels be represented as accurately as possible. But even more than the visuals - the stories make it real. Thank you!

    RispondiElimina
  34. Buongiorno, innanzi tutto voglio farle i miei più vivi complimenti per lo splendido e gigantesco lavoro che sta portando avanti.
    Sono il figlio del capitano Arturo Cristini, del quale ho trovato alcune informazioni sul suo blog (Uarsciek). Sarei lieto di un interscambio di informazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      la ringrazio. Può scrivermi a lorcol94@gmail.com

      Elimina
  35. Salve, ho appena conosciuto questo blog e non so bene come funziona, ma sono da anni alla ricerca di informazioni su mio zio (fratello di mia nonna) . Su di lui ho poche informazioni. Il suo nome era Armando Ricci nato in provincia di Benevento, Campania. io so soltanto che era un marinaio imbarcato su una nave della seconda guerra mondiale e non ha fatto più ritorno. Spero di poter avere qualche informazione. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera,
      risulta che Armando Ricci, nato a San Marco dei Cavoti il 2 marzo 1921, era sottocapo cannoniere imbarcato sulla corazzata Roma. Morì (ufficialmente disperso) nell'affondamento di questa nave, il 9 settembre 1943.

      Elimina
  36. Buongiorno, grazie mille per queste informazioni. Sono molto grata ed emozionata per la risposta ricevuta. Si tratta proprio di mio Zio. Essendo quindi disperso non è stato più ritrovato il corpo neanche successivamente? non potrebbe risultare sepolto tra le persone non riconosciute? Grazie tantissimo comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera,
      è improbabile che sia stato recuperato ma non riconosciuto, in quanto dei 1393 tra morti e dispersi della Roma soltanto 26 vennero recuperati; tutti sepolti a Mahon, nelle Baleari, e tutti identificati tranne quattro. La quasi totalità affondò con la nave o fu comunque dispersa in mare.

      Elimina
  37. Diciamo allora che è improbabile che sia uno dei 4 non identificati. comunque grazie mille per queste informazioni. molto gentile

    RispondiElimina
  38. salve sono alla ricerca di informazioni dell'autiere anselmo eremiti nato il 19/12/1909 ho poche informazioni al riguardo è diventato irreperibile dal 15 o 16 gennaio 1943 pare che sia morto in mare al largo di napoli? dopo chesi era imbarcato, non riesco a trovare di più, spero che qualcuno abbia delle liste dove figura questo nome.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, dalle circostanze da lei indicate credo che sia molto probabile che abbia perso la vita nell'affondamento della motonave Emma: http://conlapelleappesaaunchiodo.blogspot.com/2016/05/emma.html
      Per avere la certezza sarebbe però necessario consultare il suo foglio matricolare, da richiedere all'Archivio di Stato della sua provincia di nascita.

      Elimina