mercoledì 23 ottobre 2013

Fonti


Le informazioni riportate sulle diverse navi provengono dalle seguenti fonti, cui si rimanda per approfondimento.

Fonti cartacee:

Luigi Castagna, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume II – Navi militari perdute”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Giuseppe Fioravanzo, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume II – La guerra nel Mediterraneo – Le azioni navali – Tomo Primo: dal 10 giugno 1940 al 31 marzo 1941”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Giuseppe Fioravanzo, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume II – La guerra nel Mediterraneo – Le azioni navali – Tomo Secondo: dal 1° aprile 1941 all’8 settembre 1943”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Rolando Notarangelo, Gian Paolo Pagano, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume III – Navi mercantili perdute”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Aldo Cocchia, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume VI – La difesa del traffico con l’Africa Settentrionale – 10 giugno 1940-30 settembre 1941”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Aldo Cocchia, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume VII – La difesa del traffico con l’Africa Settentrionale – 1° ottobre 1941-30 settembre 1942”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Giuseppe Fioravanzo, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume VIII – La difesa del traffico con l’Africa Settentrionale – Dal 1° ottobre 1942 alla caduta della Tunisia”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Pier Filippo Lupinacci, Vittorio Emanuele Tognelli, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume IX – La difesa del traffico con l’Albania, la Grecia e l’Egeo”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Pier Filippo Lupinacci, Aldo Cocchia, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume X – Le operazioni in Africa Orientale”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Giuseppe Fioravanzo, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume XV – La Marina dall’8 settembre 1943 alla fine del conflitto”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Pier Filippo Lupinacci, Gian Paolo Pagano, “La Marina italiana nella seconda guerra mondiale – Volume XVIII – La guerra di mine”, Ufficio Storico della Marina Militare italiana

Alberto Santoni, “Il vero traditore. Il ruolo documentato di ULTRA nella guerra del Mediterraneo”, Mursia

Giorgio Giorgerini, “La guerra italiana sul mare. La Marina tra vittoria e sconfitta 1940-1943”, Mondadori

Giorgio Giorgerini, “Uomini sul fondo. Storia del sommergibilismo italiano dalle origini a oggi”, Mondadori

Erminio Bagnasco, Elio Andò, “In guerra sul mare. Navi e marinai italiani nel secondo conflitto mondiale”, ristampa su Storia Militare Dossier, Ermanno Albertelli Editore

Vero Roberti, “Con la pelle appesa a un chiodo. La guerra sul mare: 1940-1943”, Mursia
Erminio Bagnasco, Maurizio Brescia, “I sommergibili italiani 1940-1943”, su Storia Militare Dossier, Ermanno Albertelli Editore

Enrico Cernuschi, Maurizio Brescia, Erminio Bagnasco, “Le navi ospedale italiane 1935-1945”, Albertelli Edizioni Speciali

Gianni Rocca, “Fucilate gli ammiragli. La tragedia della Marina italiana nella seconda guerra mondiale”, Mondadori

Vincenzo Meleca, “Storie di navi, di uomini e di guerra nel Mar delle Dahlak”, Greco&Greco edizioni

Dobrillo Dupuis, “Forzate il blocco! L’odissea delle navi italiane rimaste fuori degli stretti allo scoppio della guerra”, Mursia

Aldo Cocchia, “Convogli. Un marinaio in guerra 1940-1942”, Mursia

Alberto Arcene, “L’ultima torpediniera per Tunisi”, Edizioni Studio Tesi

Vincenzo Capasso (a cura di Luigi Vitiello), “Uomini nella tormenta”, Homo Scrivens

Fabio Gnetti, “Ultima missione in Mar Rosso”, Mursia

Achille Rastelli, “Italiani a Shanghai. La Regia Marina in Estremo Oriente”, Mursia

Achille Rastelli, “Sommergibili a Singapore. 1943: l’odissea di un marinaio friulano”, Mursia

Libero Accini, “La rotta della morte. Canale di Sicilia 1942-1943”, Mursia

Mario Miccinesi, “La rotta insanguinata. Tra mine e siluri nel canale di Sicilia – 1943”, Mursia

Giuliano Capriotti, “Morte per acqua a Capo Matapan. I tre minuti fatali del 28 marzo 1941”, Tascabili Bompiani


Vari numeri della rivista mensile “Storia Militare” (Albertelli Edizioni Speciali, Parma)

Fonti multimediali:

Trentoincina (contenente una banca dati delle navi mercantili e militari italiane nella seconda guerra mondiale, nonché numerosi articoli e testimonianze su singoli episodi del conflitto)

Giornale NauticoParte Prima (sulle navi della società Adriatica, contiene molti stralci del giornale di bordo e resoconti riguardo gli affondamenti)

Uboat.net (nelle pagine dedicate ai sommergibili britannici si trovano numerosi stralci dei loro rapporti sugli attacchi a navi italiane)

Regiamarina.net (sulla Regia Marina nella seconda guerra mondiale; contiene anche banche dati dei caduti nella battaglia di Capo Matapan ed a bordo dei sommergibili)

Naval History (sulla Royal Navy; le pagine sulla seconda guerra mondiale comprendono molte informazioni anche sulle operazioni navali italiane)

Grupsom (articoli su alcune navi affondate, pagine sui sommergibili italiani e forum)

HistorischesMarinearchiv (banca dati sugli attacchi dei sommergibli Alleati e dell’Asse e forum)

Naviearmatori (inesauribile miniera di immagini)

Ricchi di informazioni sono inoltre i forum di Betasom, Regia Marina Italiana, Warsailors e dell’AIDMEN nonché i siti Wrecksite e Lemairesoft.


Un immenso ringraziamento va infine al ricercatore Platon Alexiades, per l’enorme gentilezza e disponibilità nel comunicarmi molte preziose informazioni da lui raccolte in anni di ricerca all’Ufficio Storico della Marina Militare, a Dimitris Galon, che mi ha gentilmente trasmesso numerosi documenti di provenienza tedesca sulle perdite in Mar Egeo, a Domenico C., per avermi comunicato molti dati provenienti dalle sue ricerche, nonché a Pietro Faggioli, Andreas Biermann, Danilo Pellegrini, Vincenzo Abruzzese, Guglielmo Lepre, Giacomo Toccafondi, Mauro Millefiorini, Vincenzo Meleca, Francesco De Domenico, Giorgio Parodi, Nedo B. Gonzales, Pietro Berti, Piergiorgio Farisato ed altri. Chi ha dato importanti contributi a singole pagine (con foto od informazioni) è citato in tali pagine.

4 commenti:

  1. Interessante la ricostruzione dettagliata delle varie missioni del CT Bersagliere. Sono il figlio di uno dei superstiti di quel bombardamento e potrei aggiungere qualche dettaglio narratomi da mio padre, scomparso nel 2008. Lui scese dalla nave con altri marinai circa un paio d'ore prima in libera uscita (franchigia per i marinai). Non aveva voglia di lasciare la nave ma i suoi amici insistettero parecchio e alla fine lo convinsero. Se non ci fossero riusciti oggi non sarei qui a scriverle. Se fosse rimasto a bordo, difatti, sarebbe stato sorpreso nello spazio riservato ai fuochisti, vicino alle caldaie, da cui sarebbe stato problematico uscire; vi si accedeva, difatti, scendendo una scaletta in metallo attraverso una stretta botola, quindi ben al disotto del livello del mare. Complimenti per la puntigliosa ricerca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Se mi dicesse il nome ed il grado di suo padre (ed eventualmente qualsiasi ulteriore particolare) lo aggiungerei volentieri a quanto già scritto.

      Elimina
    2. Mio padre aveva il mio stesso nome: Giuseppe Bonaccorso. Classe 1921. Fu arruolato a Messina il 4/3/1941. Salì a bordo il 26 marzo del 1941 e gli fu assegnato il ruolo di Fuochista A. Tubista (non so cosa voglia dire la 'A'). Ho qualche notizia di maggior dettaglio e qualche foto di cui una che ritrae 22 baldi marinai fatta in una pausa di una esercitazione sulla terraferma vicino Palermo. Sarebbe bello se potessero vederla i familiari di coloro che vi sono ritratti. Pur essendo perfettamente a fuoco le loro fisionomie, però, non sono chiarissime perché il loro viso è piccolo. I loro tratti somatici salienti sono comunque chiari. Le devo scansionare e poi gliele.invio. Dovremmo però farlo tramite email private.

      Elimina
    3. La mia e-mail è lorcol94@gmail.com. Con il suo permesso metterei poi la foto sulla pagina del Bersagliere.
      'A.' potrebbe indicare 'allievo'.

      Elimina