martedì 13 marzo 2018

Porfido

Il Porfido (Ufficio Storico della Marina Militare)

Sommergibile di piccola crociera della classe Platino (712 tonnellate di dislocamento in superficie ed 865 in immersione). Effettuò tredici missioni di guerra (cinque offensive ed otto di trasferimento), percorrendo complessivamente 4549 miglia nautiche in superficie e 473 in immersione.

Breve e parziale cronologia.

9 settembre 1940
Impostazione presso i Cantieri Riuniti dell’Adriatico di Monfalcone (numero di costruzione 1265).
23 agosto 1941
Varo presso i Cantieri Riuniti dell’Adriatico di Monfalcone.

Il Porfido in allestimento a Monfalcone (da “I sommergibili di Monfalcone” di Alessandro Turrini, supplemento alla “Rivista Marittima” n. 11 del novembre 1998, via www.betasom.it)

24 gennaio 1942
Entrata in servizio.
Gennaio-Agosto 1942
Intenso periodo di addestramento iniziale in Alto Adriatico, al comando del tenente di vascello Giovanni Lorenzotti.
31 luglio 1942
Mentre il Porfido è in mare per addestramento nelle acque a sud dell’Istria, il sommergibile britannico Traveller (tenente di vascello Michael Beachamp St. John), spintosi fin nell’Alto Adriatico, attacca infruttuosamente la cannoniera Cattaro in posizione 44°36’ N e 13°54’ E, poco distante. A seguito dell’attacco, il Porfido ed altri due sommergibili in mare nella stessa zona per esercitazioni, Diaspro e Delfino, vengono messi in allerta.

Il Porfido in addestramento nelle acque di Pola nei primi mesi del 1942 (g.c. STORIA militare)

5 agosto 1942
Terminato l’addestramento, il Porfido lascia Susak (vicino a Fiume) per iniziare il viaggio di trasferimento verso Cagliari, sua base operativa, da dove inizierà l’attività bellica.
Alle 10.45 il Traveller, che è ancora in agguato nell’Adriatico, avvista il Porfido in posizione 42°48’ N e 14°31’ E (circa 25 miglia a nordest di Pescara), identificandolo erroneamente come un U-Boot tedesco, e lo attacca lanciandogli due siluri da 2100 metri, senza successo (entrambe le armi passano a poppavia del bersaglio). Alle 10.59 il Traveller emerge ed apre il fuoco contro il Porfido, sparando in tutto quindici colpi, senza metterne a segno nessuno (anche se Beauchamp ritiene che un proiettile potrebbe avere colpito); il sommergibile italiano sfugge indenne all’attacco immergendosi immediatamente. Alle 11.03 anche il Traveller s’immerge.

Il Porfido a Monfalcone all’inizio dell’estate del 1942, durante una breve sosta presso i CRDA compiuta per effettuare alcuni piccoli lavori prima di raggiungere la base di Cagliari (g.c. STORIA militare)

7 agosto 1942
Ancora una volta il Traveller, alle 6.37, avvista il Porfido (probabilmente; Beauchamp lo identifica erroneamente come un sommergibile posamine classe Foca) in posizione 39°52’ N e 18°58’ E (nel Canale d’Otranto) e gli lancia tre siluri, che di nuovo non vanno a segno. Questa volta il Porfido non si accorge di essere stato attaccato.
Agosto 1942
Dislocato a Cagliari, in seno al VII Gruppo Sommergibili, al comando del tenente di vascello Giovanni Lorenzotti.
17-18 agosto 1942
Il Porfido (tenente di vascello Giovanni Lorenzotti) salpa da Messina nella notte tra il 17 ed il 18 per la sua prima missione di guerra. La battaglia di Mezzo Agosto si è appena conclusa, ma alle 6.50 del 17 è stato avvistato al largo di Algeri un gruppo di navi britanniche (la portaerei Furious, un incrociatore e sette cacciatorpediniere) ed è inoltre giunta notizia che il 16 agosto altre navi britanniche si apprestavano a lasciare Gibilterra; l’insieme di queste informazioni ha determinato uno stato di allarme e l’ordine di far prendere il mare a tutti i sommergibili pronti, tra cui il Porfido.
19 agosto 1942
Una volta chiarita la situazione (il gruppo della Furious è in mare per lanciare aerei diretti a Malta per rimpinguarne le forze aeree – si è saputo che a Gibilterra, prima di partire, la portaerei ha imbarcato 35 caccia Hawker Hurricane –, mentre le navi in partenza da Gibilterra il 16 sono dirette in Atlantico ed in Inghilterra, non in Mediterraneo) cessa l’allarme e tutti i sommergibili vengono richiamati in porto. Anche il Porfido rientra alla base, senza essere entrato in contatto con navi avversarie.
28 ottobre 1942
Il Porfido ed i sommergibili Argo, Asteria e Nichelio vengono inviati a formare uno sbarramento a nord di Capo Bon per contrastare l’operazione britannica «Baritone», che vede l’uscita da Gibilterra di parte della Forza H (portaerei Furious, incrociatori antiaerei Aurora e Charybdis, cacciatorpediniere LaforeyLookoutBicesterEskimoVenomous e Tartar) per un lancio di aerei (29 caccia Spitfire V) verso Malta; i sommergibili non incontrano, tuttavia, nessuna delle unità britanniche, che si portano a nord di Algeri per effettuare il lancio e poi rientrano alla base il 30 ottobre.
5-7 novembre 1942
Il Porfido viene inviato nelle acque dell’Algeria (più precisamente, nel Golfo di Philippeville), insieme a numerosi altri sommergibili italiani (ben venti: AxumArgoArgentoAsteriaAcciaioAradamAlagiAvorioBronzoBrinCoralloDandoloDiasproEmo, MocenigoNichelioPlatinoTopazioTurchese e Velella), per contrastare l’operazione "Torch", lo sbarco angloamericano nel Nordafrica francese.
Gli sbarchi hanno inizio l’8 novembre: 500 navi da trasporto angloamericane, scortate da 350 navi da guerra di ogni tipo, sbarcano in tutto 107.000 soldati sulle coste dell’Algeria e del Marocco.
8 novembre 1942
Il Porfido, al pari di altri sommergibili, riceve ordine di spostarsi verso ovest navigando in superficie, per portarsi a nord di Algeri, in modo da contrastare gli sbarchi Alleati.
9 novembre 1942
Alle 19.09 il comando della flotta subacquea italiana, Maricosom, segnala a tutti i battelli in mare che piroscafi nemici si stanno spostando verso est, e che stanno verificandosi sbarchi a Bona ed a Philippeville; dà quindi ordine di attaccare ogni nave mercantile o militare in uscita da tali porti, evitando però (per non rischiare incidenti di “fuoco amico” con le altre unità inviate in zona) di attaccare sommergibili, MAS e motosiluranti.
10 novembre 1942
Viene scoperto da una nave avversaria e sottoposto a prolungata caccia con bombe di profondità, ma riesce ad uscirne indenne.
12 novembre 1942
Alle 12.20 Maricosom, a seguito di una richiesta a Supermarina da parte della Seekriegsleitung tedesca, che ritiene «desiderabile impiego di sommergibili italiani che si trovano in zona di operazione, nella zona di mare di Bougie in vicinanza delle coste e davanti ai porti», ordina al Porfido e ad altri cinque sommergibili (Asteria, Bronzo, Platino, Nichelio e Brin) di spostarsi subito verso la rada di Bougie, per attaccare navi nemiche che si presume essere alla fonda vicino alla costa.
 
Il Porfido, già consegnato alla Regia Marina (a destra), ed un altro sommergibile della stessa classe (da “I sommergibili di Monfalcone” di Alessandro Turrini, supplemento alla “Rivista Marittima” n. 11 del novembre 1998, via www.betasom.it)

L’affondamento

La sera del 2 dicembre 1942 il Porfido salpò da Cagliari per una missione di agguato al largo di Bona (Algeria), al comando del tenente di vascello Giovanni Lorenzotti. A seguito dello sbarco angloamericano in Algeria e Marocco (operazione "Torch"), avvenuto un mese prima, le acque del Nordafrica francese erano percorse da un fitto traffico di convogli che trasportavano truppe e rifornimenti per le forze Alleate che, ormai consolidate le loro posizioni in quella regione, muovevano ora contro la Tunisia, ultimo lembo d’Africa in cui si erano trincerate le forze dell’Asse. Le acque dell’Algeria erano pertanto, in quel periodo, quelle che vedevano la più intensa attività offensiva da parte dei sommergibili italiani, impegnati nel tentativo di contrastare il rafforzamento delle truppe Alleate nel Nordafrica francese: attività che colse diversi successi, ma che fu anche pagata a caro prezzo in uomini e unità.
Secondo una fonte, il Porfido avrebbe dovuto formare uno sbarramento nel Mediterraneo Occidentale, ai primi di dicembre, insieme ai sommergibili Alagi, Bronzo, Volframio, Galatea, Argento, Corallo, Mocenigo, Diaspro e Malachite.
Quattro giorni dopo la partenza, all’1.50 del 6 dicembre, il Porfido si trovava in superficie, una novantina di miglia a nord-nord-est di Bona, quando avvistò all’improvviso un altro sommergibile, anch’esso emerso. Il comandante Lorenzotti, sapendo che altri sommergibili nazionali erano anch’essi in agguato in settori contigui al suo, fu colto dal dubbio che anche l’altro sommergibile potesse essere italiano: per questa ragione non attaccò, e manovrò invece per allontanarsi, preparando comunque le armi per il caso di un attacco. Quasi simultaneamente, però, vennero avvistate anche le scie di due siluri.
L’altro sommergibile non era italiano, bensì britannico: si trattava del Tigris (capitano di corvetta George Robson Colvin), che aveva avvistato il Porfido per primo, all’1.43, in posizione 38°10’ N e 08°35’ E. A quell’ora il tenente di vascello Roderick G. Sampson, ufficiale di guardia sul Tigris, aveva avvistato a proravia sinistra una unità navale che aveva subito identificato come un sommergibile apparentemente in rotta di collisione, con la prua puntata verso di lui. Anche il Tigris stava navigando in superficie, a 12,5 nodi di velocità, e Sampson aveva subito virato con tutta la barra, ridotto la velocità e dato l’allarme; quanto il comandante Colvin era accorso in plancia, i due sommergibili erano pressoché posizionati “prua contro prua”, distanti tra di loro circa 1100 metri.
Il sommergibile avvistato dai britannici sembrava proprio diretto verso il Tigris. Come il suo collega italiano sul Porfido, il comandante Colvin era stato colto anch’egli dal dubbio di trovarsi in presenza di un’unità connazionale: sapendo che un altro sommergibile britannico, il P 219, stava rientrando da una missione in quel periodo, Colvin aveva deciso di non attaccare subito, pensando che il nuovo arrivato potesse essere proprio il P 219. All’1.45 il Tigris aveva fermato entrambi i motori, e stava per effettuare il segnale di riconoscimento, quando l’ignaro Porfido aveva accostato a sinistra, permettendo a Colvin di identificarlo con certezza come un sommergibile nemico, molto somigliante ad un U-Boot tedesco tipo VII (la cui sagoma rassomigliava, in effetti, a quella dei sommergibili classe Platino). A questo punto, all’1.46, il Tigris aveva lanciato due siluri da soli 550 metri: impossibile mancare.
Avvistate le scie dei suoi siluri, il Porfido tentò di evitarli con la manovra, ma ci riuscì soltanto con uno dei due (secondo il rapporto britannico, invece, tale siluro sarebbe passato senza esplodere sotto lo scafo del Porfido): l’altro colpì il sommergibile italiano tra la torretta e la poppa, in corrispondenza dei locali motori (una fonte precisa nel locale motori diesel).
Il Porfido affondò in appena venti secondi, al largo dell’isola di La Galite (l’ora dell’affondamento è indicata come l’1.52), portando con sé 44 dei 48 uomini che aveva a bordo. Il Tigris, avvicinatosi al punto dell’affondamento, recuperò gli unici quattro superstiti: un ufficiale e tre marinai.
Affondarono con il Porfido il comandante Lorenzotti, altri quattro ufficiali, 14 sottufficiali e 25 tra sottocapi e marinai.

Per l’affondamento del Porfido, il comandante Colvin venne insignito del Distinguished Service Order. Il Porfido fu il secondo sommergibile italiano a cadere vittima del Tigris, che un anno e mezzo prima (con un altro comandante) aveva già affondato, nel Golfo di Biscaglia (Oceano Atlantico), il sommergibile Michele Bianchi.


Morirono sul Porfido:


Italo Beatrice, sergente elettricista, da Benevento
Felice Benedetti, secondo capo elettricista, da S. Angelo in Vado
Pietro Bertinotti, marinaio motorista, da Cureggio
Sisillo Bovolenta, sottocapo cannoniere, da Taglio di Po
Otello Bussi, secondo capo silurista, da Modena
Francesco Castiglia, marinaio, da Pace del Mela
Silvio Cecco, secondo capo motorista, da Zoppola
Aldo Cerviglieri, marinaio elettricista, da Genova
Giuseppe Cilurzo, secondo capo motorista, da Vallefiorita
Michele De Angelis, sottocapo silurista, da Carife
Salvatore De Grandi, sottocapo motorista, da Floridia
Rosario De Maria, sottocapo motorista, da Catania
Alfredo De Pin, sottocapo segnalatore, da Treviso
Ottaviano De Scrovi, sottocapo motorista, da Canaro
Dino Forti, marinaio silurista, da La Spezia
Corrado Galassini, secondo capo segnalatore, da Viterbo
Sergio Gamba, sottotenente di vascello, da Venezia
Giuseppe Genovesi, capo silurista di terza classe, da Savona
Biagio Introini, capo meccanico di terza classe, da Gallarate
Nicola La Selva, secondo capo motorista, da Francavilla al Mare
Michele Loconsole, secondo capo radiotelegrafista, da Bari
Giovanni Lorenzotti, tenente di vascello (comandante), da Viterbo
Giuseppe Luciani, marinaio, da Rodi Garganico
Tino Maestri, marinaio, da Padova
Emilio Marchini, guardiamarina, da Torino
Agostino Mele, capo elettricista di prima classe, da Foggia
Luigi Milani, sottocapo cannoniere, da Lecco
Andreino Milanta, marinaio fuochista, da Sestri Levante
Pietro Miraglia, sottocapo silurista, da Raddusa
Nunzio Orsini, secondo capo elettricista, da Palermo
Giuseppe Papale, marinaio nocchiere, da Catania
Antonio Perrone, marinaio silurista, da Gallipoli
Alfredo Pieroni, secondo capo radiotelegrafista, da Roma
Ferdinando Poggioli, marinaio motorista, da Serramazzono
Amelio Qualissoni, sottocapo radiotelegrafista, da Torreano
Stefano Ravera, sottotenente del Genio Navale, da Ivrea
Mario Robello, marinaio nocchiere, da Arenzano
Dionigi Rossi, secondo capo silurista, da Borgolavezzaro
Orlando Sereni, sottocapo elettricista, da Perugia
Michele Sgarlata, capitano del Genio Navale, da Palermo
Vincenzo Tocci, sottocapo silurista, da Poggio Mirteto
Umberto Tomarelli, sottocapo elettricista, da Viterbo
Filippo Traina, marinaio torpediniere, da Vittoria
Gilberto Verginella, marinaio, da Grado


L’affondamento del Porfido nel giornale di bordo del Tigris (da Uboat.net):

“0143 hours - In position 38°10'N, 08°35'E the Officer of the Watch (Lt. R.G. Sampson, RN) sighted a vessel broad on the Port bow. This he instantly and correctly judged to be a submarine end-on. Lieutenant Sampson immediately swung Tigris towards under full helm(she was doing 12.5 knots), gave the alarm and reduced speed. At the moment Lt.Cdr. Colvin arrived on the bridge the two submarines were practically head on, range about 1200 yards. It was obvious that the other vessel was a submarine steering towards. As P 219 was known to be returning from patrol and might very well be the submarine encountered an immediate attack was out of the question.
0145 hours - Stopped both engines and when about to make the challenge when the other submarine altered course to port. Range was 600 yards and Lt.Cdr. Colvin was now able to identify the submarine as enemy. She closely resembled a German type 7 u-boat.
0146 hours - Fired two torpedoes from 600 yards. The first torpedo ran under the stern of the enemy the second torpedo hit between the conning tower and the stern. Tigris closed the scene and rescued one Italian officer and three ratings.”
 
Il Porfido nel 1942 (g.c. Giorgio Parodi via www.naviearmatori.net)


Nessun commento:

Posta un commento