martedì 28 gennaio 2014

Contatti

Chi desiderasse contattarmi per inviarmi correzioni, documenti, testimonianze od altro materiale è il benvenuto e può farlo all’indirizzo lorcol94@gmail.com

39 commenti:

  1. Buongiorno, sono un funzionario della Navigazione Lago di Garda e, visto il post con la storia della nave Italia, mi permetto di segnalarVi questo evento che si terrà a fine maggio a Peschiera del Garda, proprio su quella nave:

    L'Italia racconta ... la Grande Guerra vista da bordo - il lago di Garda e la navigazione durante la Prima Guerra Mondiale.

    per informazioni è possibile consultare il sito web a questo link

    http://www.navigazionelaghi.it/ita/news.asp?ID=212

    Cordiali saluti
    Stefano


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno piò dirmi qualcosa in più di quale nave si tratta? grazie
      ho cercato su internet l'evento ma non lo trovo Grazie Cristina

      Elimina
    2. Buongiorno, la nave è questa: http://conlapelleappesaaunchiodo.blogspot.com/2015/03/italia.html

      L'evento però si è tenuto nel 2015.

      Elimina
  2. Grazie per il post dedicato alla Regia Torpediniera Castore, sulla quale era imbarcato mio zio Dino Chelucci che perse la vita nel tragico affondamento del 2 giugno 1943.
    Grazie per aver mantenuto viva la memoria di tante giovani vite spezzate.

    RispondiElimina
  3. Potrebbe, gentilmente, dedicare un post alla nave della Regia Marina "Stocco", affondata il 24 Settembre 1943? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, al momento sto già scrivendo una pagina dedicata alla "Stocco"; dovrei pubblicarla, considerati i tempi necessari alla scrittura e la pausa del blog in agosto, a settembre.

      Elimina
    2. New York february 19 2019. My uncle(my father younger brother Lino Kristofich die on that ship on that date.

      Elimina
  4. Grazie per la storia della Conte Verde, non ero mai riuscito a tracciare il periodo vissuto dai marinai fra il 43 ed il 47, mio nonno era uno di loro.

    marco

    RispondiElimina
  5. Pasquale Demaggio20 novembre 2015 20:50

    Salve, ho scoperto questo blog per caso facendo ricerche sull'incrociatore Giovanni dalle Bande Nere, in cui trovò la morte un mio paesano il primo aprile del 42. Chiedendo se fosse possibile una lista dei caduti di quella nave, approfitto per farle i miei complimenti per la ricchezza di particolari e foto che ho trovato qui. Credo sia uno dei blog storici più belli che abbia mai letto su Internet.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, la ringrazio. Purtroppo non ho ancora compilato una lista dei caduti del Bande Nere, ma dispongo dell'elenco completo degli uomini della Regia Marina caduti o dispersi nella seconda guerra mondiale; è in ordine alfabetico, e per ogni caduto o disperso è indicata, tra l'altro, la nave su cui era imbarcato, dunque sarebbe molto agevole (sebbene lungo) ricavare una lista per il Bande Nere. Se mi può comunicare il suo indirizzo e-mail, posso spedirle i pdf con gli elenchi completi.

      Elimina
  6. Giorgio Irtino14 maggio 2016 20:53

    Irtino Angelo, sottocapo fuochista dell'Alcione era cugino di mio Padre. Nato a Cinaglio (AT) il 01/07/1917, morì a soli 24 anni. Tramite gli archivi del Ministero della Difesa sono riuscito a procurarmi una copia del suo foglio matricolare, unico ricordo che posso conservare del mio parente per tramandare la sua storia alle future generazioni che porteranno ancora il cognome Irtino.

    RispondiElimina
  7. E' stato ritrovato il sommergibile Foca, comandato dal capitano di corvetta eroe Mario Ciliberto di Crotone, purtroppo scomparso nel 1940 durante una missione, con l'equipaggio. Volevo dare quaesta bella notizia sul ritrovamento a che si è interessato tutti questi anni a questa vicenda dall'epilogo insperato, anche in qualità di pronipote diretta del capitano Ciliberto.
    Marina Vincelli (marinavincelli@Hotmail.com)
    Questo il mio contributo e alcune notizie reperite nell'ambito delle mie ricerche giornalistiche. Grazie a tutti voi
    http://www.laprovinciakr.it/primo-piano/compirono-la-missione-ritrovato-il-sommergibile-foca-comandato-dall-eroe-crotonese-mario-ciliberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo di doverle dare una cattiva notizia. Conosco, per via telematica, Jean-Pierre Misson. Sulla base di immagini sonar estremamente vaghe, senza mai essersi immerso su relitti in questione, egli ha già rivendicato di aver individuato i relitti di quasi una decina di sommergibili in due piccoli spazi di mare tra Libia e Tunisia. Buona parte di detti sommergibili, peraltro, risultano con certezza affondati in luoghi distanti decine, se non centinaia di miglia da quelli in cui Misson sostiene di averli trovati. Temo, nella massima franchezza, che la sua lucidità non sia più quella di un tempo, e che egli veda quello che desidera vedere, ignorando ogni prova che affermi il contrario. In definitiva, a meno che qualcuno non si immerga sul presunto relitto, non ritengo che il Foca sia stato trovato. Mi spiace per la doccia fredda...

      Elimina
  8. Buongiorno. Leggere la storia del cacciatorpediniere Mirabello e vedere il nome del nostro parente Francesco Dematté (se posso permettermi, si scrive con l'accento) ha dato a tutti noi una forte emozione. Grazie infinite per il meticoloso ed esauriente lavoro di ricerca da lei svolto. Sarà possibile rinvenire qualche fotografia dell'equipaggio, o addirittura ricevere qualche testimonianza, diretta o riportata, sulle ultime ore vissute dal nostro marinaio Francesco di Trento? Qualcuno che abbia condiviso con lui qualche momento della vita militare e che abbia avuto una sorte meno avversa? Un grosso grazie e un cordiale saluto, Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, la ringrazio. Ho corretto il nome del suo parente aggiungendo l'accento. E' probabile che esistano, presso i parenti di sopravvissuti (ed anche di vittime) del Mirabello, fotografie dell'equipaggio e ricordi sul suo affondamento, ma purtroppo io non ne possiedo...

      Elimina
  9. buongiorno e complimenti per il lavoro.
    Mio padre faceva parte del RCT Pancaldo. Nelle sue memorie riferisce che mentre lui era in ospedale, il suo posto in sala motori è stato preso da un collega di nome Montanari, di Recco (GE). La nave è partita e il 30.04.43 è stata affondata, ma non vedo il nome tra i dispersi.
    Ringrazio per l'attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, ho controllato sull'elenco dei caduti e dispersi della Marina Militare durante la guerra: vi sono 17 caduti con il cognome Montanari, ma nessuno di essi risulta morto sul Pancaldo. Potrebbe essere sopravvissuto all'affondamento.

      Elimina
  10. salve volevo notizie sull affondamento della motonave citta di bastia e l elenco dei morti e dispersi avvenuto il 27 / 09/1941 grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera, l'affondamento della Città di Bastia è da me descritto in questa pagina: http://conlapelleappesaaunchiodo.blogspot.it/2014/02/citta-di-bastia.html

      Vi furono 150 vittime su 432 uomini a bordo, ma purtroppo non ne possiedo l'elenco...

      Elimina
    2. buona sera oggi ho trovato dei documenti di mio padre che è stato affondato con il piroscafo APRILE XXI ,è stato uno dei pochi che si sono salvati ,tempo fa mi ha raccontato che era stato appeso ad una tavola con un carabiniere e poi salvato e portato in ospedale a trapani torrebianca e dimesso il 17 2 1943 grazie a voi ho ricostruito un po di storia grazie ancora

      Elimina
    3. Di nulla, sono felice quando il mio lavoro può essere di aiuto.

      Elimina
  11. Salve, mio padre Arcangelo Panin, maresciallo dei Carabinieri, fu tra quelli che sopravvissero all'affondamento del Caracciolo da parte del Caccia L70 Farndale. Ho letto su un sito inglese che ai prigionieri raccolti in mare, quando alla fine vennero fatti sbarcare ad Alessandria, furono dati indumenti tedeschi e ne venne filmato lo sbarco, prima di destinarli ai campi di prigionia in Sud Africa.
    Sarei curioso di sapere se ancora esiste il filmato, forse presso cronista inglese o all'ammiragliato britannico
    Grazie per l'attenzione e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera, penso proprio che ne debba esistere copia da qualche parte, ma non saprei dove: forse potrebbe provare a contattare l'Imperial War Museum (http://www.iwm.org.uk/) od anche la British Pathé (http://www.britishpathe.com/) che ha un poderoso archivio di filmati dell'epoca.

      Elimina
  12. Salve, sono un appassionato di Storia della Regia Marina ed ho scoperto questo blog per caso facendo ricerche sull'incrociatore Pola. Chiedo se fosse possibile la storia di quella nave e del suo comandante, CV Manlio de Pisa, approfitto per farLe i miei complimenti per la grande dovizia di particolari e delle fotografie raccolte. Credo sia un blog storico unico; il migliore che abbia mai trovato su Internet. Giovanni.

    RispondiElimina
  13. Salve sono la pronipote del sottocapo cannoniere Mario Bettelani , deceduto sull' incrociatore Alberico da Barbiano il 13 dicembre 1941. Volevo ringraziarla per tutto quello che ha scritto e per tutte le notizie . Per sapere dove é sepolto mio zio a chi posso rivolgermi , perché mio padre non si ricorda bene come é andata . Grazie mille .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, credo che la strada migliore sia contattare il Commissariato per le onoranze ai caduti: onorcaduti@onorcaduti.difesa.it

      Elimina
    2. Grazie per l'info.
      Seguirò il suo consiglio

      Elimina
  14. Salve sono la pronipote del sottocapo cannoniere Mario Bettelani, deceduto sull' incrociatore Alberico da Barbiano il 13 dicembre 1941 a Capo Bon . La volevo ringraziare per tutte le notizie . Volevo sapere se si puó sapere il luogo dove é sepolto mio zio , perché mio padre non si ricorda. Grazie mille .

    RispondiElimina
  15. Save sono il nipote di Tavaroli Remo disperso nell'affonamento dell'Incrociatore Zara a Matapan, la ringrazio per lo stupendo lavoro fatto e per i numerosi dettagli, ma sopra ogni cosa per mantenere in vita questa memoria.

    RispondiElimina
  16. Salve! Volevo avere notizie di mio prozio, Pisanelli Vincenzo nato ad Ugento il 15/3/1918 e disperso, secondo il ministero della difesa, il 1/12/1941 nel mediterraneo centrale. Grazie r.pisanelli@tiscali.it

    RispondiElimina
  17. Buongiorno, ricorro spesso al suo blog in quanto sto scrivendo il mio ultimo libro (Il Fascismo in Oriente: Mussolini e India, Giappone, Nepal, Tibet e Afghanistan) e qui trovo info altrimenti introvabili. Grazie.
    Mi sono permessa di segnalare il suo blog su Facebook ai fratelli di mio padre della Folgore (Elpidio Garzilli, campagne d'Africa 1941-43).
    Buon lavoro e grazie ancora, EG

    RispondiElimina
  18. Buongiorno sono Sirio Putignano , nipote Vincenzo Putignano, comandante del relitto ALGA affondato il 9/10 /1942. sono riuscto a trovare il relitto alga , ma di mio nonno riesco a trovare nulla , eppure era il comandante della nave ALGA. gentimente vorrei il vostro aiuto . distinti saluti Sirio Putignano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,
      sull'Alga ho scritto questa pagina: http://conlapelleappesaaunchiodo.blogspot.com/2015/03/alga.html, però non ho notizie specifiche su suo nonno...

      Elimina
  19. Buongiorno Lorenzo,
    volevo segnalarle che sul sito e database http://www.internetculturale.it/ alla voce Sommariva Emilio (fotografo) esiste una bellissima immagine del Motoveliero "Teresa Maggi" di cui ho trovato notizie nel suo blog. L'immagine la raffigura attraccata al molo del porto di Sestri Levante (GE) Qui il link all'immagine: http://www.internetculturale.it/it/16/search/detail?id=oai%3Awww.internetculturale.sbn.it%2FTeca%3A20%3ANT0000%3AN%3A2y010-0011210&mode=all&teca=MagTeca+-+ICCU

    Mi sono permessa di segnalare tramite link il suo blog su un gruppo FB che riguarda la mia città. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Laura, la ringrazio: aggiungerò la foto alla pagina del Cesena (ex Teresa Maggi).

      Elimina